Estati in Sicilia, sole abbagliante, aria rarefatta, frinire di cicale. Ricordi di lunghe giornate di villeggiatura, di una natura aspra e primitiva, misteriosa e affascinante, che dispensa promesse e nasconde insidie. Nevica fuoco. Il paesaggio si svuota, rivela l’essenziale, e si popola di presenze e di avventure fantastiche.

Inverni di cieli percorsi da nuvole che trafitte dal sole creano paesaggi cangianti. Cieli di terra, terra di luce. La natura si spoglia e nella solitudine svela la propria identità.